Da tanti anni sogno una vera, grande e decisiva riforma della Chiesa.
Dal 31 maggio 2010 ho pubblicato su questo sito i testi riguardanti i 32 punti nei quali ho individuato e sintetizzato le linee di rinnovamento e di lavoro perché la Chiesa – e segnatamente la Chiesa Cattolica – sia oggi colei che vive prima e annuncia poi le parole di Gesù Cristo.

Da qualche tempo amo parlare non più tanto di “riforma” della Chiesa, quanto piuttosto di “Forma” della Chiesa secondo la stupenda espressione di Paolo “figli miei, che io di nuovo partorisco nel dolore finché Cristo non sia formato in voi!” (Ga 4,19).

E qual è la “forma” in cui dobbiamo finalmente essere modellati se non la vita di Gesù, il suo essere in noi e noi in lui, il nostro vivere di fede in lui, e per mezzo di lui verso il Padre e nello Spirito Santo, è cercar di praticare tutto quello che ci ha insegnato e a tentar di far discepoli di lui tutte le nazioni (Mt 28,16-20).

Se uno è “formato” in un certo modo, poi le sue parole e le sue azioni scaturiscono tranquillamente e spontaneamente, senza forzature, senza ripensamenti.
“Formati” veramente secondo l’archetipo Gesù Cristo è finalmente prendere sul serio le sue parole e la sua presenza, parole come “amate i vostri nemici”, “non resistete al malvagio”, “date tutto quello che avete”, “dite: Abbà”, “Padre perdona loro..” ecc.. ecc.
Formare-Riformare la comunità credente non è inventare nuovi riti o riplasmare gli antichi, non è dare nuovi comandi o ravvivare gli antichi: cercare la forma di Cristo è tentare in ogni modo di pensare come lui, di amare come lui, di sentire come lui, di affidarsi al Padre come lui…

Se vuoi, puoi scaricare e/o leggere la mia opera completa sulla Forma-Riforma della Chiesa. Per andare al pdf CLICCA QUI